•    
    Aktuelle Planetenstände
    18-Nov-2017, 10:35 Weltzeit
    Sonne2616'36"19s19
    Mond2545'27"14s22
    Merkur1721'46"25s23
    Venus1344'14"14s52
    Mars1649'45"5s36
    Jupiter826' 5"13s21
    Saturn2622'10"22s26
    Uranus2523' 7"r9n16
    Neptun1128'14"r8s07
    Pluto1728'40"21s46
    Mondkn.w1851'40"r15n10
    Chiron2426'58"r1n19
    Erklärungen der Symbole
    Horoskop des Moments
| Mein Astro | Forum | FAQ

Astrologia - Perché funziona?

Paolo Quagliarella

Recensione di Francesco Nicolella, 2017

Io, da persona profondamente razionale, ritengo che qualsiasi linguaggio debba essere degno di essere preso in considerazione quando cerca di spiegare la realtà attraverso delle regole funzionali, coerenti all’interno del sistema, ma soprattutto quando permette di perseguire un fine che sia utile all’umanità.

Astrologia - Perché funzione?

Ordinare a:
www.amazon.it

Così si chiude l'interessante ed originale opera prima di Paolo Quagliarella dal titolo “Perché funziona l'Astrologia?”. Al termine della lettura del suo libro si rimane, forse, con più domande che risposte e questo, come afferma lo stesso autore, è uno degli intenti del suo lavoro: “la domanda iniziale di questo lavoro, perché l’Astrologia funziona? ritengo abbia ricevuto numerose risposte dalle più diverse discipline e altrettante, spero, ne possano aggiungere i lettori poiché desideravo suscitare anche curiosità e libertà interpretative”. Nel corso dei secoli non sono stati molti gli studiosi che hanno provato a rispondere alla domanda, molto coraggiosa, che si è posto l'Autore, la maggior parte dei libri a tema astrologico infatti cerca di rispondere alla più pragmatica domanda di “come funziona l'Astrologia?”. Il merito di questo libro risiede proprio nella sua grande originalità: per rispondere alla fatidica domanda l'autore prende in prestito e sintetizza vari concetti appartenenti a diverse discipline che sono apparentemente molto distanti tra loro come la biologia, la psicologia, la mitologia e la fisica dei quanti.

Le varie risposte offerte dai diversi campi del sapere alla domanda che dà il titolo a questo libro hanno come filo conduttore la ricerca di un'unità di fondo alla base del pensiero e dell'esistenza stessa dell'uomo, un'Unità che di fatto è inesprimibile in termini razionali e scientifici ed è per questo che il lettore, probabilmente, rimarrà con più domande che risposte. Questo, però, non dovrebbe scoraggiare alla lettura, anzi; solo ponendosi le giuste domande si può giungere a farsi un'idea del perché l'Astrologia “funzioni” e questo libro si pone non solo numerose domande ma, come detto, tutte le discipline e gli esempi più o meno scientifici che vengono descritti nelle sue pagine sono orientati nella medesima direzione: indagare ed esprimere concettualmente l'Unità sottostante all'illusione di separazione. Come espresso nella prefazione (di Enzo Barillà)

le idee degli antichi filosofi trovano eco, risonanza e conferma nelle teorie degli scienziati contemporanei, che le esprimono in termini di campi morfici, etere, olomovimento, akasha. Tout se tient, tutto è collegato con tutto, dicono i francesi. E qui risiede il merito maggiore del libro: avere proposto una rassegna di teorie e di pensiero scientifico d’avanguardia che punta – seppure con differenze di sfumatura – nella medesima direzione, quella stessa direzione che sta alla base e alle fondamenta del pensiero astrologico e che di conseguenza lo legittima.

Uno dei numerosi studi scientifici citati, sintetizzati e tradotti in italiano dallo stesso Autore è quello ad opera del team di fisici composto da E. Baaquie, F. Carminati, J. Demongeot, G. Galli Carminati, F. Martin, e M. Teodorani (Quantum Psyche, Giugi Edittion, 2015) nel quale si legge: “A un certo livello profondo della realtà, le particelle elementari non sono entità individuali, ma estensioni di un unico fondamentale 'organismo', in modo tale che la loro separazione, a un livello più profondo della realtà, sembra essere solo un'illusione.

Perché funziona l'Astrologia? Forse perché l'Universo all'interno del quale viviamo, come scriveva Shakespeare, è fatto della stessa sostanza di cui sono fatti i sogni...e le stelle. Quello che i grandi poeti e mistici di ogni tempo hanno sempre saputo, perché vissuto in prima persona, ha interessato e continua ad interessare anche molti intellettuali e scienziati che, ognuno a suo modo, cercano di esprimere con teorie e dimostrare con esperimenti che, anche a “l'uomo comune”, appaiono sempre più convincenti...o incredibili. A Paolo Quagliarella va il grande merito di aver disegnato un percorso sintetico, fluido ed accessibile che guida il lettore attraverso i spesso difficili concetti scientifici che con termini nuovi e “moderni” tendono a spiegare, provare e mettere in pratica le idee espresse dai grandi filosofi, astrologi, poeti e mistici di ogni epoca e cultura e che possono essere sintetizzate nel famoso motto ermetico: “Come in alto così in basso, come dentro così fuori”. 

L'Autore non solo mette in risalto come diverse discipline siano giunte a conclusioni simili ma compie un passo ulteriore ossia cerca, con ottimi risultati, di farle dialogare tra loro ed evidenziare come i diversi termini, concetti e punti di vista sulla realtà fenomenica e la mente umana non siano affatto così lontani come si suol credere. In questo senso è di particolare interesse il capitolo dedicato alla relazione tra fisica quantistica e archetipi junghiani nel quale viene citato uno studio ad opera dei fisici François Martin, Federico Carminati e Giuliana Galli Carminati che l'Autore così sintetizza:

Nella ricerca gli Autori considerano la visione stratigrafica della Psiche junghiana e hanno postulato che la materia, gli stati mentali e la coscienza umana, insieme all’inconscio, siano di natura quantistica, un vero e proprio campo quantistico con proprie regole e leggi. La psiche dell’uomo sorgerebbe dall’eccitazione del campo quantico di base o vuoto quantico di Bohm. La materia e il campo della coscienza sono stati separati quando il mondo è nato, ma sono rimasti in relazione di entangled; grazie a questa relazione è possibile comprendere come, ad esempio, accadano anche i fenomeni sincronistici.

Oltre ad un ampio spazio dedicato a Jung, compresa una interessantissima selezione di corrispondenze a tema astrologico intrattenute dallo psicologo svizzero nel corso della sua lunga e proficua carriera, la sua teoria degli Archetipi, dell'Inconscio collettivo e della Sincronicità, al lettore di quest'opera verranno presentati numerosi studiosi e teorie sintetizzate e collegate in un discorso unitario dall'Autore stesso; essi includono:

  • E. Cassirer e il linguaggio del mito.
  • J. Campbell e i suoi studi sull'essenza unitaria delle mitologie appartenenti a varie epoche e culture (Il viaggio dell'eroe).
  • R. Sheldrake e i campi morfici;
  • D. Bohm e l'Olomovimento.
  • R. Penrose e la Teoria della coscienza quantica;
  • E. Laszlo ed il campo akashico.
  • L. Poponin, P. Garjajev e gli esperimenti sul DNA Fantasma.
  • M. Todeschini, l'Etere e la Teoria delle Apparenze.
  • E molto altro ancora...

Forse, l'unico punto debole del libro consiste nel fatto che l'Autore, a volte, sembri esageratamente sorpreso del fatto che l'Astrologia “funzioni” e in alcuni momenti giunga a postulare che “l’Astrologia agisce perché è 'creduta', perché è un linguaggio descrittivo.”

L'Astrologia è si un linguaggio, ma essa non “agisce” perché si crede o si ha fede nella sua validità; se così fosse allora non agirebbe su, o meglio in, un individuo completamente privo di fede in essa. L'Astrologia non è un “effetto placebo”, essa “agisce” anche in chi non crede alla sua validità: per fare un esempio, quando Saturno ritorna sulla sua posizione natale (a circa 28, 56 e 82 anni di età) ogni individuo, a prescindere dalle sue credenze personali, farà esperienza di un radicale “riallineamento” della propria vita. Questo avviene poiché a 28, a 56, o in altri momenti cruciali della vita di un individuo, ciò che “agisce” non è l'Astrologia, ma la Natura; e la Natura agisce sempre secondo i suoi ritmi, che l'uomo la comprenda o meno, che egli la sappia interpretare o meno. L'Astrologia è un linguaggio che permette di interpretare e conoscere la Natura, gli esseri umani e, quindi, se stessi. In quanto linguaggio essa non è un “agente”, non è una scienza né tanto meno un'arte ma uno strumento interpretativo o, come amava chiamarla C.J. Jung, una “Scienza Intuitiva”. In quanto scienza intuitiva l'Astrologia è la madre sia delle moderne scienze che delle arti divinatorie, essa contiene in sé il seme che ha dato vita ad entrambe. È importante comprendere che l'Astrologia non è né un'arte né una scienza, in caso contrario il suo “funzionamento” rimarrà sempre un “mistero” e, forse, è meglio che rimanga tale. È proprio questo mistero che ha spinto l'Autore a porsi la fatidica domanda e cercare delle plausibili risposte. L'esistenza stessa del libro si poggia su questo “equivoco”, ed è grazie ad esso che il lettore potrà avvicinarsi alla comprensione del “Perché funziona l'Astrologia?”. Senza questo “punto debole” il libro di Paolo Quagliarella probabilmente non esisterebbe e questo sarebbe un vero peccato; Il punto debole, quindi, non è poi tanto debole.

Oltre a quelli già citati, un “punto forte” del libro, e dell'Autore, consiste nella sua propensione ad un'Astrologia orientata a quello che oggi viene chiamato un approccio di counseling:

anziché descrivere la personalità di un soggetto che viene da noi per una consulenza, 'motivarlo', ovvero trasformare ciò che una definizione astrologica asserisce, in una pillola di costruttività proattiva.
Banalizzo con un esempio. Siamo abituati, chi più chi meno, ad affermare, definire una donna Ariete, con Venere in Ariete: 'sei una donna amazzone'. Bene, se invece dicessimo: 'devi scoprire quelle qualità dell’amazzone o, se già le conosci, provare a metterle in pratica, con impeto misurato e attento alle necessità del mondo che ti è attorno'? A mio avviso, senza conoscere null’altro del tema, è una frase che funziona meglio ed è più utile della prima interpretazione.

Su questo punto Quagliarella mi trova totalmente concorde, fino al punto che nella mia professione non mi definisco un astrologo (che in genere è maggiormente orientato alla previsione degli eventi, personali o mondani) ma un astro-counselor. Nel leggere il libro di Quagliarella traspare il suo approccio umanistico insieme alla sua mente “profondamente razionale”: per questo consiglio la sua lettura a chiunque abbia una seria intenzione di approfondire gli aspetti “scientifici” del “funzionamento” dell'Astrologia ed allo stesso tempo non ne voglia fare una “macchina previsionale”. Troppi astrologi moderni, in particolar modo in Italia, hanno cercato di ricoprire l'Astrologia con vestiti più o meno “scientifici” e, ovviamente, hanno fallito miseramente, contribuendo in questo modo a tracciare una linea troppo demarcata e in ultima istanza illusoria tra “scienza” e “magia”. Il lavoro di Paolo Quagliarella non rientra affatto in questo tentativo di “scientifizzare” qualcosa che non si comprende ma, al contrario, nasce dal sincero tentativo di una mente “profondamente razionale” di capire e spiegare perché l'Astrologia funziona?

Werbung
Aktuelle Planetenstände
18-Nov-2017, 10:35 Weltzeit
Sonne2616'36"19s19
Mond2545'27"14s22
Merkur1721'46"25s23
Venus1344'14"14s52
Mars1649'45"5s36
Jupiter826' 5"13s21
Saturn2622'10"22s26
Uranus2523' 7"r9n16
Neptun1128'14"r8s07
Pluto1728'40"21s46
Mondkn.w1851'40"r15n10
Chiron2426'58"r1n19
Erklärungen der Symbole
Horoskop des Moments
Werbung
WWW.ASTRO.COM ist das grosse Astrologie-Portal mit den vielen kostenlosen Angeboten. Hochwertige Horoskopdeutungen von den weltweit führenden Astrologen Liz Greene, Robert Hand und anderen Autoren und Autorinnen, viele gratis Horoskope und qualitativ hochwertige Information über Astrologie für Anfänger und Profis machen www.astro.com zur ersten Adresse für alle Astrologie-Interessierten.
Homepage - Gratis Horoskope - Astro Shop - Astrologie Wissen - Ephemeriden - Autorinnen und Mitarbeiter - Mein Astro - Direkte Atlas-Abfrage - Sitemap -FAQ - Forum - Kontakt mit Astrodienst