Precessione e zodiaco

 

vedi anche: i segni astrologici

Uno degli argomenti usati più spesso contro l’astrologia è che le dichiarazioni degli astrologi sono da tempo considerate obsolete. Secondo l’astrologia, chi è nato il 30 marzo ha il Sole a 10° in ariete, mentre nella realtà il 30 marzo il Sole si trova chiaramente nella costellazione dei pesci.

Dichiarazioni come questa creano decisamente confusione in chi s’interessa di astrologia. Davvero gli astrologi vivono dall’altra parte della Luna continuando ad aggrapparsi a credenze che la scienza ha screditato da tempo? La confusione è possibile perché entrambe le affermazioni di cui abbiamo parlato, a proposito della posizione del Sole il 30 marzo, sono corrette. A questa data infatti il Sole è sia nel segno zodiacale dell’ariete che nella costellazione dei pesci. Queste affermazioni si contraddicono perché sono fatte entro diverse basi sistemiche di principi e presupposti. Potrebbe succedere qualcosa di simile se dalla Germania vi capitasse di chiamare un amico a Londra per discutere dell’ora del giorno. La persona a Londra potrebbe dichiarare che sono le dieci del mattino, mentre per voi in Germania sarebbero le undici. Entrambe le posizioni sono corrette, naturalmente, all’interno di diverse basi sistemiche di principi e presupposti, cioè i fusi orari.

Le costellazioni sono gruppi di stelle fisse nel cielo, e sin dai tempi antichi gli esseri umani si sono interrogati sul loro significato. La striscia di cielo che risulta particolarmente importante per l’astrologia è l’eclittica entro cui si muovono i pianeti del nostro sistema solare. È qui che troviamo (andando in senso antiorario) le dodici costellazioni: ariete, toro, gemelli, cancro, leone, vergine, bilancia, scorpione, sagittario, capricorno, acquario e pesci. Queste costellazioni hanno dimensioni molto diverse e a volte persino si sovrappongono. Dato che le linee formate dalle costellazioni possono essere interpretate in vari modi, è impossibile dire, per esempio, dove finisce il capricorno e inizia l’acquario.
È in questa zona del cielo (o sfera celeste) che gli astronomi proiettano un circolo perfetto – l’eclittica – formata dall’orbita annuale della Terra intorno al Sole, o dall’apparente orbita del Sole intorno al nostro pianeta, per chi osserva dalla Terra. L’eclittica risulta essenzialmente stabile rispetto allo sfondo di stelle fisse. Oggi, gli astronomi continuano a usare quest’orbita come punto di riferimento. Nel sistema di coordinate dell’eclittica, la posizione di un pianeta viene calcolata utilizzando due numeri: la longitudine dell’eclittica deriva dalla misurazione in senso antiorario partendo dal punto zero (sull’eclittica); la latitudine dell’eclittica si conta dalla rilevazione della deviazione del pianeta dall’orbita. Entrambe queste letture sono date in gradi; la longitudine dell’eclittica viene misurata da 0 a 360°. Ma qual è il punto zero dell’eclittica? Stabilire uno zero è necessariamente arbitrario – cioè una questione di definizione. Secondo le coordinate geografiche sulla Terra, per esempio, zero gradi di longitudine vengono fissati sul punto dell’Osservatorio astronomico di Greenwich.
Il punto zero sull’eclittica è stato stabilito utilizzando l’equinozio di primavera sull’emisfero boreale – il 20 o il 21 marzo – il giorno in cui in tutto il pianeta il giorno e la notte hanno la stessa durata. Questo punto viene definito matematicamente, impiegando il punto di intersezione tra l’equatore e l’orbita terrestre intorno al Sole, cioè l’eclittica. L’equatore celeste viene calcolato dalla posizione dell’asse terrestre nello spazio. Se questo asse fosse stabile, l’equinozio di primavera del 21 marzo sarebbe un punto fisso nel cielo.

Nel periodo massimo dell’astronomia antica, durante l’età ellenistica (all’incirca dal 200 a.C. al 200 d.C.), l’equinozio di primavera nell’emisfero boreale era situato al confine tra la costellazione fissa dell’ariete e quella dei pesci. Gli astrologi dell’epoca dividevano la traiettoria dell’eclittica in dodici segmenti di 30° l’uno, utilizzando questo punto zero come struttura di riferimento. I segmenti avevano lo stesso nome delle costellazioni di stelle fisse che si trovavano dietro. È importante distinguere questi segmenti di 30° nell’eclittica (o segni dello zodiaco) dalle costellazioni di stelle fisse sullo sfondo che hanno gli stessi nomi ma sono definite in maniera incerta e hanno misure irregolari.

A ogni modo, l’asse terrestre non è stabile. La Terra non è una sfera perfetta perché si appiattisce ai poli e si rigonfia all’equatore. Reagisce alla forza gravitazionale del Sole e della Luna come una trottola la cui rotazione viene alterata da forze esterne: questo causa quella che è stata chiamata precessione dell’asse terrestre – che significa che lo stesso asse terrestre ruota secondo una propria orbita, portando a un movimento conico lungo un polo fisso dell’eclittica. Una rotazione completa intorno a questo cono impiega approssimativamente 26.000 anni. Lo spostamento dell’asse terrestre fa muovere l’equatore celeste in modo che il punto di intersezione tra questo e l’eclittica – l’equinozio di primavera – si sposti da est a ovest lungo la rotta dell’eclittica, cioè nella direzione opposta rispetto a quella dello zodiaco.

Ci vogliono circa 26.000 anni perché l’equinozio di primavera compia una rivoluzione completa lungo l’eclittica, cioè lungo tutte e dodici le costellazioni, e ci vuole circa un dodicesimo di questo tempo – pressappoco 2160 anni – perché attraversi un segno dello zodiaco. Nell’antichità, l’equinozio di primavera era situato tra i segni dei pesci e quello dell’ariete; a causa del suo movimento retrogrado lungo lo zodiaco, al momento attuale è situato nella fascia di confine tra la costellazione dei pesci e quella dell’acquario, e si sposta lentamente verso l’acquario. Per l’assenza di linee di demarcazione ben definite, è difficile stabilire esattamente quando l’equinozio di primavera si sposterà dalla costellazione dei pesci a quella dell’acquario, cioè quando comincerà quella che chiamiamo età dell’acquario. A seconda del punto in cui viene stabilito questo limite di demarcazione, accadrà tra il 2100 e il 2500 d.C.

L’equinozio di primavera è il punto di riferimento da cui sia gli astronomi che gli astrologi fanno iniziare la misurazione dell’eclittica, e segna l’inizio e la divisione dello zodiaco in dodici segmenti uguali. È per questa ragione che la parte di zodiaco conosciuta come “ariete” è collocata dove c’è la costellazione dei pesci. Il 30 marzo, il Sole è situato all’incirca a 10° nel segmento dell’eclittica che chiamiamo ariete, ma se si guarda nel cielo notturno si vede la costellazione fissa dei pesci.

L’astrologia occidentale non utilizza più lo sfondo delle stelle fisse come punto di riferimento. L’astrologia occidentale moderna usa gli stessi sistemi di riferimento dell’astronomia, divide cioè l’eclittica in segmenti che partono dall’equinozio di primavera. Sebbene questi segmenti abbiano gli stessi nomi delle stelle fisse, la precessione dell’asse terrestre fa in modo che non siano più in linea con le costellazioni omonime. È solo in alcuni ambiti dell’astrologia – come l’astrologia quando studia i grossi cambiamenti epocali – che la relazione tra le costellazioni di stelle fisse e l’eclittica trova un qualche rilievo. I riferimenti vengono quindi fatti alle “età”, quella dei pesci, quella dell’acquario ecc.

Ci sono altri sistemi di astrologia non occidentale che lavorano ancora a qualche misurazione con sistemi alternativi al sistema di coordinate dell’eclittica equinoziale utilizzato dagli astrologi occidentali. L’astrologia indiana usa un sistema che fa riferimento alle stelle fisse come metodo di misurazione ed è arrivata a una situazione in cui la posizione del punto zero è diventata motivo di controversie. Ciò a causa delle differenti scuole di astrologia indiana che hanno diversi punti zero di riferimento.

Maggiori dettagli sul tema della precessione e dello zodiaco nel libro di Dieter Koch "Kritik der astrologischen Vernunft (Eine Klärung des Anspruchs der Astrologie - Antwort der Astrologie an ihre Kritiker)", Verlag der Häretischen Blätter, ISBN 3-931806-03-0.

Il volume è disponibile solo in lingua tedesca.

 

Traduzione dall'inglese: Laura Vargiu

 

Posizioni attuali dei pianeti
20-Apr-2014, 10:10 UT/GMT
Sole0Toro15'14"
Luna5Capricorno6'36"
Mercurio23Ariete53'35"
Venere15Pesci49'18"
Marte14Bilancia37'36"r
Giove13Cancro30' 2"
Saturno21Scorpione29'38"r
Urano13Ariete29'33"
Nettuno6Pesci55'26"
Plutone13Capricorno34'22"r
Nodo vero28Bilancia22'49"r
Chirone16Pesci9'11"
Spiegazioni dei simboli
Carta del momento
Pasquale
Astrodienst Bonus Pasquale
Pubblicità
Loading