Vedi anche: Altri corpi celesti

L’1 novembre 1977, l’astronomo americano Charles Kowal scoprì un piccolo pianeta con un’orbita del tutto eccezionale. Qualche settimana dopo il pianeta fu chiamato Chirone. Nel nostro sistema solare ci sono centinaia di asteroidi - molti fra i quali sono più grandi di questo nuovo corpo celeste, il cui diametro presunto non supera i 160 km. Tuttavia, l'orbita di Chirone, posizionata tra Saturno e Urano, è unica. Chirone impiega circa 50 anni per compiere una rivoluzione completa, e talvolta presenta forti "inclinazioni" verso Saturno o Urano. Il suo cammino è instabile, poiché lo ha percorso probabilmente solo per un paio di migliaia di anni (e, si presume, lo seguirà ancora per altri duemila anni). Nel 1991, Chirone fu classificato come cometa catturata. Gli astronomi non sono riusciti a stabilire in modo unanime se si tratti di un asteroide o di una cometa, così si è deciso di includerlo in entrambe le categorie. La sua posizione può essere calcolata in modo affidabile per il periodo compreso fra il 1500 a. C. e il 4000 d. C. Oltre tale periodo, ogni calcolo è da considerarsi inattendibile.

La posizione dell’orbita di Chirone, situata tra Saturno e Urano, è piuttosto insolita. Nonostante i vari tentativi di classificazione, Chirone ha assunto il ruolo di pianeta. La sua orbita è estremamente eccentrica, Symbole de Chironcome quello di Plutone. Esso, infatti, incrocia talvolta sia l’orbita di Saturno, sia quella di Urano. La maggior parte degli astrologi lo considerano come una sorta di "mediatore" fra i due pianeti e come punto di contatto tra il "Guardiano delle Sfere" (Saturno) e i pianeti esterni. Per analogia Chirone viene visto come un pianeta dotato di un’influenza sia saturnina che uraniana. Prima di essere definito "cometa catturata", era considerato un asteroide errante, lontano dalla "massa", ovvero dalla cintura di asteroidi che si trova fra Marte e Giove. Un ribelle solitario, che percorre da solo la sua strada. Il glifo a forma di chiave, raffigurato a fianco, è stato ormai ampliamente adottato e costituisce in parte la base d'interpretazione: Chirone rappresenta una chiave di apertura verso i pianeti esterni, nonché verso le sfere della vita che si ritrovano nella storia del personaggio mitologico.Cronos e Rea

Secondo la mitologia Cronos (o Saturno) si innamorò follemente della ninfa Filira. Sua moglie (Rea) lo colse sul fatto e Cronos, trasformatosi in uno stallone, fuggì. Il centauro Chirone, metà uomo e metà cavallo, fu il frutto di questa unione. Quando Filira vide suo figlio, sentì una profonda avversione e chiese a Zeus di trasformarla in un tiglio. In seguito Chirone si ritirò in una grotta sul Monte Pelion, dove insegnò ai giovani eroi le arti marziali, l’arte della caccia e della musica. I suoi alunni più celebri furono Achille e Asclepio. La fine della storia contiene un messaggio simbolico: involontariamente Chirone fu ferito da una freccia velenosa del suo amico Ercole. Poiché Chirone era immortale, continuò a vivere con questa terribile ferita incurabile. Quando arrivò il momento della punizione di Prometeo, Chirone chiese di morire al suo posto. Il sacrificio della sua immortalità, lo liberò dal tormento.

Chirone è una figura sia umana, sia animale, che combina gli aspetti oscuri e istintivi della natura con quelli razionali. Astrologicamente rappresenta la saggezza, la pazienza e il dominio sugli istinti oscuri. A causa della sua ferita incurabile, ha una profonda conoscenza della sofferenza in tutte le sue forme. La saggezza che acquisisce attraverso il dolore gli consente di alleviare le sofferenze altrui. Poiché Chirone non si trova allo stesso livello dei pianeti "tradizionali", i suoi aspetti non vengono indicati nei nostri grafici.

Chirone nei prodotti di Astrodienst

Chirone è presente nei dati stampati dei seguenti tipi di grafici, ma non nei disegni: tipo 2.AT e 2.GR. È stato inoltre creato un nuovo tipo di grafico, identico al tipo 2.AT. In quest’ultimo Chirone è presente nei disegni.

Gli aspetti di Chirone non sono indicati né nei grafici, né nei disegni. La posizione di Chirone non è inclusa nelle rivoluzioni solari e lunari, nelle progressioni e nei transiti. Chirone è invece presente nei dati stampati di tutte le carte del cielo corredate da una carta aggiuntiva del tipo 24.xx, 25.xx e 23.xx, per tutti i metodi.

 

Folo & Co.

Dopo il 1992 Chirone non fu più l’unico corpo celeste del nostro sistema solare esterno. Diversi altri asteroidi furono scoperti tra le orbite di Saturno e Nettuno. Al primo di questi fu dato il nome di un altro celebre centauro: Folo. Fu così che questo gruppo di piccoli asteroidi venne chiamato "I centauri". Accanto ai Centauri fu scoperto un altro piccolo pianeta nelle vicinanze di Plutone e, oltre ancora, si scoprì una nuova grande cintura di piccoli asteroidi, probabilmente costituita da più corpi rispetto alla cintura principale tra Marte e Giove. Plutone potrebbe essere considerato un membro di questo gruppo, nonostante sia molto più grande degli altri corpi.

Le estremità esterne del percorso di Folo incrociano le orbite di Saturno e di Nettuno. Proprio come Chirone viene considerato una chiave astrologica di Saturno e Urano, così Folo rappresenta la chiave di Nettuno. La sua distanza media dal Sole è un po’ più grande rispetto a quella di Urano: una rivoluzione completa dura 92 anni. Nella mitologia Folo è il custode delle vigne dei centauri, il cui vino fu la causa del conflitto tra Ercole e i Centauri. Come Chirone, Folo viene coinvolto nella lotta per puro caso e muore a causa di una tragica coincidenza: esaminando una delle frecce velenose di Ercole, ne viene ferito mortalmente.

In base ad una prima osservazione astrologica, Folo conferisce una capacità insolita in un campo particolare o apporta risultati inaspettati, grazie al dono per la sperimentazione. I transiti di Folo sugli assi principali di una carta del cielo, indicano sovente un cambiamento radicale e imprevisto, simboleggiato dalla morte improvvisa e inattesa del personaggio mitologico.

 

Letture

Erminie Lantero, The Continuing Discovery of Chiron, Samuel Weiser Inc. (1983), 189 pages, ISBN 0-87728-549-7. Uno studio completo e affidabile per un’interpretazione basata su un approccio simbolico e archetipico.

Melanie Reinhart, Chiron and the Healing Journey, Penguin USA (paper), ISBN 0140195734. Consigliato.

Robert v. Heeren und Dieter Koch, Pholus. Wandler zwischen Saturn und Neptun, Chiron Verlag, Mössingen 1995. Un’opera estremamente completa. Contiene un'analisi dettagliata di Folo. Vivamente consigliata. (In tedesco)

 

Posizioni attuali dei pianeti
19-Set-2014, 23:55 UT/GMT
Sole26Vergine57'41"
Luna10Leone15'27"
Mercurio23Bilancia10'21"
Venere17Vergine42'24"
Marte4Sagittario5'33"
Giove13Leone56' 3"
Saturno19Scorpione29'42"
Urano15Ariete13'18"r
Nettuno5Pesci36'53"r
Plutone10Capricorno59'54"r
Nodo vero19Bilancia26'52"r
Chirone14Pesci50'25"r
Spiegazioni dei simboli
Carta del momento
Pubblicità
Loading